Debolezza primaverile: i cibi che ti aiutano a tornare pieno di energie

La debolezza primaverile è una condizione diffusa, ci sono però dei cibi che possono essere utili per sentirsi più energici.

Il momento del cambio di stagione può essere davvero critico, soprattutto perché comporta la necessità che il nostro corpo si abitui alle modifiche meteorologiche, compresi i differenti momenti di luce e buio. Farlo non è poi così semplice come si possa pensare: ciò, infatti, può influire anche sulla qualità del sonno, perfino per qualche settimana, al punto tale da incorrere in quella che può essere definita debolezza primaverile, riscontrata da molte persone, anche da chi ama questo periodo dell’anno.

debolezza primaverile aiuto con la dieta
La debolezza primaverile è una condizione davvero diffusa – Foto: Meteoreporter24.it

Chi già sta vivendo una fase di profondo stress può avvertire in modo ancora più forte una sensazione di disagio, al punto tale che irritabilità e stanchezza possono diventare ancora più forti. Il passaggio dall’ora legale all’ora solare può inoltre influire sull’insonnia e rendere difficile dare il meglio sul lavoro.

Soffri di debolezza primaverile? Combattila con la dieta

Pur essendo una condizione piuttosto diffusa, non si può che fare qualcosa di concreto per combattere la debolezza primaverile. Ben sapendo come questa incida sulla qualità delle nostre giornate. Certamente prendere farmaci non è l’ideale, ma si può trovare un ottimo sollievo da questa situazione con un’attenzione maggiore alla dieta. Ci sono, infatti, dei cibi che possono essere davvero provvidenziali e che possono consentire, se assunti con costanza, di essere più ricchi di energia.

Sono particolarmente utili cipolle e mele, che contengono quercetina, sostanza utile per ridurre l’infiammazione, ma soprattutto un enzima noto come sintasi del fattore lacrimale, che è quello che favorisce le lacrime quando stiamo tagliando le cipolle. Mangiarle permette di alleviare le allergie di cui molti soffrono in primavera.

debolezza primaverile cosa mangiare
Le banane non dovrebbero mai mancare nella dieta – Foto: Meteoreporter24.it

Non dovrebbero mai mancare le banane per la presenza di potassio, acido folico e vitamina B6, che riducono stanchezza e fatica. Le uova invece sono consigliabili perché hanno vitamine, acido folico e proteine, adatte per avere un migliore tono muscolare, oltre che per stabilizzare la pressione sanguigna. Aglio e zenzero potrebbero non essere amati da tutti, ma contribuiscono a migliorare le vie nasali.

Nell’alimentazione di ognuno di noi dovrebbe sempre esserci una giusta dose di omega 3, specialmente durante la stagione delle allergie, perché permettono di respirare meglio. È bene quindi mangiare noci, semi di zucca, fagioli, avocado e pesce, come sardine, sgombro, alici e salmone.

Gli amanti dei dolci apprezzeranno, inoltre, la possibilità di poter avere nella propria dieta il cioccolato fondente per la presenza di teobromina e melatonina, che aiutano a riposare, oltre a favorire il buon umore (occhio però a non abusarne). Le mandorle, infine, aiutano metabolismo, sistema nervoso e ossa grazie a fosforo, potassio, magnesio e vitamine. Insomma, basta davvero poco e i risultati non mancheranno.

Impostazioni privacy