Altro che Vite al Limite: la trasformazione dell’uomo più grasso del mondo è sconvolgente

Vite al Limite narra le storie sconvolgenti di pazienti affetti da obesità patologica. Una storia incredibile esula però dal famoso programma. 

Uno dei programmi televisivi più interessanti e impressionanti dell’ultimo decennio è sicuramente “Vite al Limite”. La docu-serie di produzione statunitense narra il background e le vicende che hanno portato soggetti obesi ad arrivare (e talvolta superare) i 300 kg di peso.

 Juan Pedro Franco uomo più grosso del mondo
Juan Pedro Franco, la storia dell’uomo più grosso del mondo (foto youtube@bbcnews- meteoreporter24.it

Protagonista indiscusso della trasmissione è il chirurgo bariatrico Younan Nowzaradan che, puntata dopo puntata, mette a punto una rigida routine dietologica ed esercizi fisici per ogni paziente, fino a permettergli di essere idoneo a un’operazione di bypass gastrico. Sono molte le persone che grazie a lui hanno ritrovato la salute. Tuttavia, oggi vogliamo parlarvi di un caso di obesità grave che esula dal programma, quello di Juan Pedro Franco. É stato dichiarato l’uomo più grosso del mondo.

Oltre “Vite al limite” esiste il caso di obesità Juan Pedro Franco

Juan Pedro Franco aveva una mole così imponente da non riuscire nemmeno a trascinare il suo corpo fino in bagno. Ha iniziato a lottare con il suo peso da bambino. Un infortunio avvenuto durante l’adolescenza ha peggiorato le cose e all’età di 17 anni pesava già 228 Kg.

Juan ha battuto il record del mondo; a 32 anni pesava quasi 590 kg, ed era costretto a letto a causa delle sue dimensioni. Ha lavorato duramente per perdere peso dopo che una terrificante esperienza di pre-morte lo ha spinto a cambiare vita.

Juan Padro storia dimagrimento
La storia di Juan Pedro: altro che Vite al limite (foto ig@juanpfranco – meteoreporter24.it)

Se avesse continuato così il suo corpo avrebbe presto ceduto. Si è rivolto a uno specialista in obesità a Guadalajara, in Messico, che ha accettato di operarlo. Dopo pochi mesi Juan ha potuto alzarsi dal letto per la prima volta dopo anni. In ospedale gli è stato diagnosticato il diabete di tipo 2, disfunzione tiroidea, ipertensione e liquido nei polmoni.

Ha detto con fiducia: “La cosa più importante per me è camminare di nuovo. Sono sei anni che non esco di casa e non riesco ad andare da nessuna parte”. Nel 2017 aveva già perso 127 chili, abbastanza per permettergli di sottoporsi a un secondo intervento chirurgico che gli avrebbe cambiato la vita e di farsi impiantare un bendaggio gastrico.

Ha continuato con la dieta ed esercizio fisico, perdendo un terzo del suo peso corporeo nel 2019. Alla rete Telemundo ha dichiarato: “Il solo fatto di poter alzare le braccia e alzarsi ogni giorno anche solo per prendere un bicchiere d’acqua o andare in bagno, ti fa sentire benissimo”. Oggi pesa 200 kg; il percorso è ancora è lungo ma è incredibile che ne abbia persi circa 400.

Impostazioni privacy