SABATO di “SANGUE” sulle ALPI: tre incidenti mortali in Trentino e Veneto

Pubblicato il 9 Luglio 2022 alle 8:19

SABATO di SANGUE sulle montagne del nord-est italiano, dove due persone hanno perso la vita: un escursionista alpinista è morto a Tires sulla ferrata Laurenzi, fra l’Alpe di Tires e il Catinaccio, in Trentino Alto Adige. Sono intervenuti il soccorso alpino, l’elisoccorso Pelikan 1 e i carabinieri, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. 

Una vittima è stata registrata anche in Veneto. Si tratta di un uomo 68enne di Roma che ha perso la vita precipitando dal Lagazuoi, sopra Cortina. L’uomo, era in compagnia della moglie e di un’altra persona e si stava dirigendo all’ingresso a monte delle Gallerie, quando purtroppo è inciampato cadendo a lato del sentiero e precipitando nel vuoto. Dopo aver imbarcato un tecnico del Soccorso Alpino di Cortina che si trovava casualmente sul posto, l’elicottero ha effettuato la ricognizione della parete, individuando il corpo privo di vita un centinaio di metri più in basso. 

Un terzo incidente mortale anche sulle montagne del Trentino. Un escursionista di 63 anni originario di Brescia è morto per arresto cardiaco nei pressi della Bocca Brenta a quota 2400 metri. Tutti i tentativi di rianimazione sono stati vani ed il medico non ha potuto fare altro che constatare il decesso dell’alpinista, trasferito a valle alla camera mortuaria di Madonna di Campiglio.  

Altre news su www.meteoreporter24.it

 

Edinet - Realizzazione Siti Internet