MALTEMPO dal 15 Novembre in LIGURIA: forti temporali minacciano Genova, i dettagli

Pubblicato il 13 Novembre 2022 alle 1:35

MALTEMPO dal 15 NOVEMBRE in LIGURIA – In avvio della prossima settimana, un nuovo guasto meteo è atteso sul Nord Italia con caratteristiche decisamente autunnali. L’impianto barico che potrebbe venire a genenerarsi è assolutamente da tenere sott’occhio e vi spieghiamo ora il perchè! Nel corso di Domenica 13 Novembre, gran parte del Nord Italia sarà investito da una massa d’aria decisamente fresca o addirittura fredda (denominata appunto GOCCIA FREDDA) per un’azione retrogada proveniente dai Balcani. Un piccolo “riccolo” di aria fredda che colpirà inizialmente le regioni centro-meridionali nel corso di Sabato 12 Novembre e poi si sposterà al Nord nella giornata di Domenica 13 Novembre. Come spesso accade, con le correnti da est, l’aria fredda inizierà a risalire la Valpadana, dalle Venezie e dalla Romagna, grazie all’attivazione di venti orientali di Bora e Grecale, andando ad accumulare l’aria fredda sul Piemonte. L’aria fredda è più pesante di quella calda e non si solleva, viaggia al suolo, spostando e alzando violentemente l’aria calda che incontra al suo passaggio. L’aria fredda dunque è più pesante dell’aria calda e si riverserà al suolo nelle 24 ore successive.

Proprio per questo motivo del maggior peso dell’aria, la pressione s’innalzerà di 4-5 Hpa sul basso Piemonte, andando a generare un delta barico tra Liguria e Piemonte. Dando uno sguardo alla carta della pressione, ritroveremo dunque il cosiddetto “naso padano” tipico della stagione invernale, proprio per la presenza di aria fredda al suolo sul Piemonte. La differenza di pressione tra il Lombardia meridionale e Piemonte nei confronti del mar Ligure farà muovere l’aria fredda, adagiata e incastonata in Pianura, verso la linea di costa, attraverso le correnti di tramontana. Un vero e proprio “travaso d’aria fredda” che si attiverà nei valichi appenninici più bassi, come il Cadibona (alle spalle di savona) ed il Turchino e Giovi (alle spalle di Genova).

Ma l’attenzione è rivolta principalmente alla forte perturbazione in arrivo dal 15 Novembre, che giungendo sulla Liguria potrà favorire l’innesco di una convergenza, proprio tra due correnti d’aria differenti: la prima, il travaso d’aria fredda in discesa dal Piemonte (tramontana) e quella mite e umida in risalita da Sud (Ostro-Scirocco) generata appunto dall’arrivo della nuova perturbazione. Per tale motivo non sarà da escludere la possibile formazione di temporali autorigeneranti specie tra Savonese di levante e Genovesato, in grado di dar vita ad una situazione meteo molto delicata e da monitorare attentamente. La perturbazione inoltre risulterà più rallentata, per una massa d’aria di alta pressione presente ad est, e dunque durerà più del previsto.

Ma cosa potrebbe accadere in Liguria? Al momento prevediamo la possibile formazione di forti temporali autorigeneranti e localmente stazionari in grado di generare nubifragi improvvisi per alcune ore. L’attenzione è rivolta principalmente al savonese di levante ed al genovesato, dove potrebbero cadere le piogge di un mese in meno di 6 ore. Prestiamo dunque la massima attenzione e attendiamo gli avvisi ed allerta meteo degli enti preposti che verranno probabilmente emessi nella giornata di Lunedì 14 Novembre.

Seguite tutti i prossimi aggiornamenti su www.meteoreporter24.it

Edinet - Realizzazione Siti Internet