CAMBIAMENTO CLIMATICO molto più radido in ITALIA: il Mediterraneo soffre due volte di più degli oceani!

Pubblicato il 1 Giugno 2022 alle 6:05

Gli effetti del CAMBIAMENTO CLIMATICO (global warming) si stanno verificando a doppia velocità nel Mar Mediterraneo, che è una delle aree più soggette all’aumento delle temperature e alla riduzione delle precipitazioni. Lo si evince da uno studio reso noto dalla rivista Scientific Reports da parte di un team di esperti dell’Istituto di scienze marine del Cnr, del National Oceanography Centre di Southampton e del tunisino Institut National des Sciences et Technologies de la Mer di Salamboo.

Nel Mar Mediterraneo i tempi di ricambio delle sue acque sono relativamente più brevi. L’evaporazione è maggiore di precipitazioni e apporti fluviali, mentre temperatura e salinità aumentano ad un tasso due volte e mezzo maggiore rispetto alla seconda metà del ventesimo secolo e superiore a quello degli oceani.

E, ovviamente, il sistema ecomarino non fa che dimostrare questa tendenza. Un esempio ne è l’aumento delle meduse nel Mediterraneo, con avvistamenti che in sei anni, dal 2009 al 2015, sono aumentati incredibilmente; lungo le coste italiane si sono decuplicati. Sono tutti dati che confermato il cambiamento climatico in atto.

Il Mediterraneo sta reagendo al fenomeno del riscaldamento globale più velocemente degli oceani. Il riscaldamento globale ha portato ad aumento notevole di nuove specie di pesci e animali marini finora sconosciuti. Uno di questi, per esempio, è il pesce scorpione, varietà tropicale che dopo aver colonizzato gran parte delle coste Atlantiche occidentali e il Mediterraneo orientale, si è avvicinato sempre più anche alle coste siciliane. Il Wwf parla di una vera e propria tropicalizzazione del Mediterraneo.

Il riscaldamento globale pare non arrestarsi: basti pensare che lo scorso giugno, rispetto alla media 1951-1980, ha raggiunto +0,69°C. Dal 1998 ad oggi la velocità d’aumento delle temperature è risultata essere più alta del 140 per cento.

Nei prossimi giorni usciranno ulteriori approfondimenti in merito con dati preoccupanti che si sono già percepiti nello scorso mese di Maggio. Cosa ci aspetterà per l’estate? Per ulteriori curiosità sul Global Warming CLICCA QUI

METEO ESTATE 2022, sarà davvero la più calda di sempre?

Edinet - Realizzazione Siti Internet