VALANGA SESTRIERE: trovati due corpi senza vita, morto il noto alpinista “CALA” CIMENTI

Pubblicato il 8 Febbraio 2021 alle 10:37

Una valanga nella giornata di lunedì sopra Sestriere ha investito e ucciso il noto alpinista Carlalberto Cimenti, detto «Cala», e l’amico che era con lui, Patrick Negro, di Pragelato. L’allarme è stato lanciato nel primo pomeriggio, quando i due scialpinisti non hanno fatto ritorno dopo un’escursione sulle montagne di Sestriere. Con lui c’era un amico, Patrick Negro, di Pragelato. I tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese sono stati allertati dai carabinieri di Sestriere ed è subito partita la macchina dei soccorsi.

Entrambe le vittime erano residenti a Pragelato, un paesino della valle Chisone a pochi chilometri da Sestriere e a una quindicina dal luogo della tragedia. L’altro scialpinista morto è Patrick Negro, 50 anni e due figli, cresciuto a Sestriere ed ex capostazione del Soccorso alpino di Pragelato, dipendente, come membro della direzione sportiva, della Sestrieres Spa, la società che gestisce gli impianti del comprensorio Vialattea, scenario delle Olimpiadi invernali 2006.

L’allarme è scattato nel tardo pomeriggio, quando Cimenti e Negro non sono rientrati: si è subito temuto, vista l’abbondanza di neve che caratterizza in questi giorni l’arco alpino, che potessero essere stati travolti da una valanga. I tecnici del Soccorso alpino e speleologico piemontese sono stati avvertiti dai carabinieri di Sestriere che hanno poi trovato le loro auto parcheggiate in valle Argentera, nel punto di partenza dell’escursione.

Edinet - Realizzazione Siti Internet