La “SCIABOLATA ARTICA” è diventata “MORBIDA”: poco FREDDO in arrivo sull’ITALIA!

Pubblicato il 21 Novembre 2021 alle 1:28

L’ondata di freddo di matrice artica marittima prevista nell’ultima decade del mese di Novembre è stata notevolmente ridimensionata: gli ultimi aggiornamenti dei modelli previsionali, stanno volgendo ad un notevole ridimensionamento dell’azione fredda in entrata sull’Italia. Niente FREDDO PUNGENTE e soprattutto poche possibilità di vedere la NEVE a bassa o bassissima quota sul Nord Italia.

Cerchiamo di capire cosa è cambiato negli ultimi aggiornamenti meteo: almeno fino al 25-26 Novembre, gran parte dell’Italia resterà in balia di correnti umide e perturbate ma non fredde. La NEVE tornerà cadere sulle ALPI mediamente oltre i 1200-1400m, con locali sconfinamenti attorno ai 900-1000m sui settori più occidentali. Ma le probabilità di vedere la NEVE a bassa quota restano decisamente basse. Solamente il PIEMONTE sud-occidentale, tra Cuneese e Torinese, potrebbero rimanere in “pole” per ricevere qualche sorpresa fino a quote collinari. Anche in LIGURIA eventuali nevicate arriveranno solo in montagna, mediamente oltre i 1300 metri di quota (difficilmente a quote più basse). Anche su tutto il resto del NORD ITALIA, la neve resterà comunque confinata a quote mediamente superiori ai 1000 metri, con basse probabilità di sconfinamenti alle quote inferiori.

La “SCIABOLATA ARTICA” punterà infatti verso la Francia e la Spagna alimentando una risposta più mite sull’Italia. Solo verso la FINE del MESE, un’azione più fredda potrebbe interessare il Centro-Nord con qualche pioggia e qualche nevicate fino in alta collina (da confermare), anche se al momento risulta poco chiaro il quadro previsionale.

Edinet - Realizzazione Siti Internet