Sarà un “ESTATE ABUSIVA” con il “coprifuoco”, si temono “AFTER HOURS” in case private!

Pubblicato il 23 Aprile 2021 alle 2:08

La conferma del “COPRIFUOCO alle 22:00” fino al 31 Luglio è sicuramente una delle notizie più ecclatanti che stanno circolando in queste ore anche se non si esclude nei prossimi giorni una possibile proroga fino alle 23:00, che garantirebbe un sospiro di sollievo per ristoratori e negozi in apertura serale.

Ma la categoria maggiormente coinvolta da questa restrizione è sicuramente quella dei GIOVANI 18-30 anni, che rischiano di passare un’estate senza divertimento, discoteche, sale da ballo e locali notturni in genere. Inoltre la restrizione impedirà di circolare dopo la scadenza delle ore 22 o 23 fino al mattino.

Quel che preoccupa maggiormente sarà la risposta dei giovani che senza troppi problemi cercheranno di “aggirare” le regole imposte dallo Stato. Circolano già le prime voci sul rischio di FESTE PRIVATE con gruppi di persone pronte a trascorrere l’intera notte facendo un vero e proprio “after hours” fino ore 5.00 (orario di scadenza del coprifuoco). Affitti stagionali e settimanali per grandi appartamenti, casolari e ville isolate tra gli stabili che rischiano di andare a ruba nei prossimi giorni, soprattutto nelle località della movida estiva, come in Romagna, Liguria e Sardegna. E se la movida nei locali non ci sarà, i ragazzi saranno pronti a crearsela a casa propria.

I giovani sono sicuramente convinti di voler vivere un’estate più libera dopo aver trascorso mesi e mesi senza poter uscire la sera, e se questa movida non potranno ritrovarla in giro, la creeranno loro stessi nelle loro abitazioni. Una soluzione che non aiuterebbe sicuramente in termini preventivi anti-covid, col rischio di enormi assembramenti in locali privati chiusi e un elevato rischio potenziale di focolai e contagi da Covid.

Il mese di MAGGIO sarà cruciale per capire cosa potrebbe evolvere al GOVERNO proprio in vista dei mesi di GIUGNO, LUGLIO ed AGOSTO. Meglio un coprifuoco alle 22/23 o una libertà vigilata con provvedimenti seri in caso di assembramenti. Questo sarà l’argomento delle prossime settimane! Abolire completamente il coprifuoco potenziando un servizio di sorveglianza e deterrenza da parte delle Forze dell’Ordine, potrebbe sicuramente portare meno danni che un coprifuoco alle 22/23. Noi la pensiamo così, sempre che ci siano i soldi per potenziare tale servizio!

Edinet - Realizzazione Siti Internet