Pazzesca “MAREA NERA” invade il MEDITERRANEO: è il peggior disastro degli ultimi 20 anni

Pubblicato il 20 Febbraio 2021 alle 9:40

Sul Mediterraneo orientale e principalmente sulle coste d’Israele è in atto il peggior disastro ambientale degli ultimi decenni: una enorme marea nera sta colpendo 170km di coste del Paese. Nella riserva naturale di Gador, vicino alla citta’ settentrionale di Hadera, il catrame ha imbrattato pesci, tartarughe e altre creature marine. In 16 localita’ di mare, le autorita’ hanno invitato a tenersi lontani dalle spiagge. La striscia nera e’ visibile addirittura nelle immagini satellitari.

Fino a quest’oggi le cause di questo drammatico disastro ambientale risultano ancora sconosciute. L’inquinamento potrebbe essere stato innescato da una petroliera in navigazione e spinta sulla costa da una tempesta nei giorni scorsi. Il direttore dell’area di Carmel presso l’Autorita’ per la Natura e i Parchi, Dudi Weiner, ha detto che ci vorranno anni per riparare i danni causati dalla fuoriuscita. “Non abbiamo registrato una catastrofe di queste proporzioni da almeno 20 anni“, ha detto. “In termini di impatto in futuro, ci vorra’ molto tempo per recuperare. La maggior parte del danno ecologico e’ dovuto alle enormi quantita’ di catrame che si depositano sulle scogliere e sugli scogli che affiorano dall’acqua durante la bassa marea“. Giovedi’, un cucciolo di balena e’ stato trovato morto su una spiaggia vicino a Tel Aviv, e le autorita’ stanno indagando se i due incidenti siano collegati.

Edinet - Realizzazione Siti Internet