ONDATA di GELO SIBERIANO da metà FEBBRAIO: potrebbe essere la FASE più FREDDA dell’inverno!

Pubblicato il 6 Febbraio 2021 alle 1:57

Gli aggiornamenti dei modelli previsionali inquadrano un drastico cambiamento attorno alla metà di FEBBRAIO per l’arrivo di una massa d’aria gelida di origine totalmente continentale proveniente dalla lontana Russia verso l’Italia. Una fase particolarmente rigida che potrebbe risultare la più fredda dell’inverno 2020-2021.

Secondo il modello americano GFS si prevede l’ingresso di una massa d’aria veramente molto gelida con isoterme a 1500 metri di quota fino a -10°C al Nord e -14°C sull’Adriatico già nel WEEKEND di SAN VALENTINO con possibili nevicate fino in pianura su gran parte delle regioni centro-meridionali (sia sul versante tirrenico sia su quello adriatico). Non si esclude però l’interessamento anche del Nord Italia specialmente durante la fase d’irruzione dell’aria fredda con episodi di BLIZZARD sulla Val Padana e nevicate fino in pianura. Le temperature così basse potrebbe inoltre garantire l’arrivo della neve anche sulle coste della Toscana e della Liguria (da confermare solo nei prossimi giorni).

Secondo il modello europeo ECMWF l’ingresso dell’aria gelida colpirebbe maggiormente il versante adriatico ed il Centro-Sud, con neve fino sulle coste delle Marche, Abruzzo, Puglia ma non solo anche in Toscana, Lazio e localmente anche su Campania e Calabria. Meno coinvolto invece il Nord Italia, con freddo intenso ma non eccezionale come previsto dal modello americano sopra citato.

Quello che possiamo decifrare dai modelli quest’oggi è sicuramente l’avvio di una FASE GELIDA per l’ITALIA con un ritorno della neve in pianura su gran parte dello Stivale. Solo con l’avvio della prossima settimana riusciremo a capire con miglior esattezza la direzione che intraprenderà questa colata di aria gelida, riportando l’Italia in un contesto di GELO INVERNALE, forse anche tra i più intensi degli ultimi anni.

Edinet - Realizzazione Siti Internet