Le grandi PIOGGE AUTUNNALI arriveranno a NOVEMBRE: il “VERO INVERNO” è ancora molto lontano!

Pubblicato il 15 Ottobre 2021 alle 10:24

Da quanto ci mostrano i modelli previsionali a medio-lungo termine, si nota un anticiclone azzorriano ancora in grande forma. La sua posizione lungo i paralleli è piuttosto incisiva e non garantisce ancora alle perturbazioni atlantiche di subentrare in maniera netta sul Mediterraneo, favorendo l’arrivo di quelle perturbazioni autunnali che portano le grandi piogge della durata  anche di 2-3 giorni consecutivi.

Abbiamo avuto un ALLUVIONE in LIGURIA da record il 4 Ottobre scorso, ma tutto è accaduto in fase pre-frontale: il fronte perturbato infatti, giunto solo in serata, non ha apportato grandi precipitazioni ed è evoluto con rapidità da ovest verso est. Non possiamo quindi considerare tale evento come un fenomeno dalle caratteristiche prettamente autunnali, ma semplicemente un violentissimo temporale autorigenerante molto localizzato tra le province di Savona e Genova, con fenomeni estremi e straordinari. Una perturbazione di stampo temporalesco quindi che ha avuto caratteristiche tardo-estive e non prettamente autunnali.

Ma ora diamo uno sguardo ai prossimi giorni ed alle prossime settimane: tra il 20-21 OTTOBRE un ciclone atlantico investirà mezz’Europa con piogge molto intense, temporali e forti venti; il Nord Italia prenderà solo le “briciole” ma qualche pioggia non mancherà soprattutto su Liguria, Toscana, Lombardia, Emilia Romagna e Triveneto. Sulle ALPI si attende altra neve fino a 1800m. Nulla di particolarmente eccezionale, ma semplici nevicate in altura tipiche del periodo autunnale. Tale perturbazione creerà un’erosione dell’anticiclone azzorriano che comunque cercherà di non mollare la presa. Nuovi tentativi perturbati dall’atlantico proveranno a ripercorre la stessa strada della perturbazione del 20-21 Ottobre nei giorni successivi, ma cercando di subentrare sempre con maggior incisività sul bacino del Mediterraneo.

Diciamo che dal 23-25 Ottobre sino a fine mese si metterà in atto un vero e proprio BRACCIO di FERRO tra l’anticiclone azzorriano e nuove perturbazioni atlantiche tra Francia e Spagna, mentre sull’Italia potremmo assistere ad un raffreddamento graduale del clima, per qualche timido impulso di aria fresca proveniente dal Nord Europa. Aria fresca non gelida!

Per capire come evolverà il tempo a cavallo tra fine mese e l’avvio di Novembre e soprattutto per capire se andremo incontro ad un periodo altamente piovoso o un periodo più secco e freddo, sarà opportuno tenere sotto controllo questo BRACCIO di FERRO. Da qui si potrà finalmente fare le prime proiezioni meteo in vista del nuovo mese, al momento ogni previsione oltre i 7-10 giorni ha valenza pari a zero. Seguite i prossimi aggiornamenti su www.meteoreporter24.it

Edinet - Realizzazione Siti Internet