Forte MALTEMPO in arrivo dal 20-22 GENNAIO: PIOGGE intense e forti NEVICATE in montagna, temperature in rialzo!

Pubblicato il 17 Gennaio 2021 alle 11:33

Il lungo periodo freddo che sta interessando l’ITALIA da inizio GENNAIO è destinato ad esaurirsi entro martedì 19. Proprio da metà settimana la circolazione cambierà completamente, riproponendo correnti umide perturbate di matrice atlantica, alimentate da una depressione centrata tra il Regno Unito e l’Europa centrale. Il freddo intenso proveniente dalla Russia degli ultimi giorni resterà solo un ricordo. Il tempo tornerà quindi instabile anzi spesso perturbato, ma per correnti atlantiche mediamente non fredde, con caratteriste più autunnali che invernali. Con l’avvento di una circolazione oceanica, sono attese piogge in intensificazione, dapprima al Nord, verso mercoledì-giovedì prossimi, qui anche con qualche nevicata iniziale fino a bassa quota sul Piemonte per via di un ristagno di aria fredda, poi piogge in estensione a tutto il Nord e  soprattutto al Centro Sud.

Tanta NEVE è invece attese in montagna sopra i 1000-1200m sulle ALPI e oltre i 1300-1500m sull’APPENNINO SETTENTRIONALE, mentre alle quote inferiori cadrà la pioggia, locamente anche di forte intensità specie tra Liguria e Toscana. Su queste aree potrebbero cadere oltre 150mm di pioggia con rischio di nubifragi anche intensi!

Nella fase 22/24 Gennaio, infatti, le perturbazioni atlantiche si faranno via via più intense e più estese su diverse regioni italiane, e proprio in questa fase sono attese piogge anche violente tra la Liguria e la Toscana , l’Umbria, soprattutto il Lazio e la Campania poi verso il basso Tirreno e anche al Nordest. Non sarebbero esclusi anche rischi dovuti proprio all’abbondanza delle precipitazioni previste. Piogge naturalmente anche sui settori adriatici e sul resto del Sud, settori ionicihe, ma, su queste aree, potrebbero essere meno intense per via di una minore esposizione alla circolazione portante.

Al momento niente FREDDO e GELO in vista, almeno fino al 27-28 GENNAIO e con buone probabilità almeno fino all’inizio di FEBBRAIO. Ma l’inverno non è finito, anzi proprio i mesi di FEBBRAIO e MARZO sono maggiormente soggetti agli scambi meridiani, con maggiori possibilità per forti irruzione di aria fredda proveniente dal Polo Nord. Si tratta di un fenomeno naturale del periodo invernale perchè proprio in questi 60 giorni il Vortice Polare tende spesso a perdere di forza, favorendo una maggiore probabile intrusione dell’anticiclone azzorriano verso latitudini elevate, sino oltre il Circolo Polare Artico.

Edinet - Realizzazione Siti Internet