DOMENICA 19 tornano TEMPORALI e GRANDINE al Nord: sarà una giornata “perturbata” su PIEMONTE e LOMBARDIA

Pubblicato il 17 Settembre 2021 alle 10:58

L’avvicinamento di una nuova perturbazione proveniente dalla Francia, causerà un deciso peggioramento delle condizioni meteo su gran parte delle regioni settentrionali, specialmente Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige e Triveneto. I primi segnali di peggioramento si verificheranno già nella giornata di SABATO con qualche pioggia o locale temporale sparso specialmente sulle alte pianure del Piemonte e della Lombardia. Nulla di particolarmente intenso comunque, da quel che ci mostrano gli aggiornamenti meteo di stasera.

La situazione tenderà a peggiorare molto rapidamente nella notte tra SABATO e DOMENICA con possibili formazioni di temporali anche intensi, associati a locali grandinate ed improvvisi nubifragi molto localizzati. Si partirà probabilmente dal Piemonte e dalla Lombardia con i primi fenomeni pre-frontali che potranno interessare Torinese, Biellese, Varesotto e Milanese. Possibili accumuli significativi su tutte le aree dell’alta pianura lombardo-piemontesi dove si stimano accumuli anche fino a 100-120mm in poche ore. Si teme anche il ritorno della GRANDINE specie durante eventuali episodi temporaleschi particolarmente intensi.

Nella mattinata di DOMENICA si prevede il transito del fronte freddo sul Nord Italia: secondo i nostri modelli si prevede la formazione di una linea temporalesca piuttosto intensa e molto estesa dall’alto CUNEESE sino all’ALTO PIEMONTE che transiterà molto rapidamente verso la Lombardia entro metà giornata. Dal pomeriggio sarà invece il turno delle regioni di Nord-Est con piogge e temporali anche intensi associati a episodi di grandine fino a medie dimensioni. Prestare la massima attenzione alle forti raffiche di vento che potrebbero generarsi durante il passaggio dei groppi temporaleschi.

Gli accumuli più importanti sono previsti sulle province di Torino, Biella, Verbania, Varese, Como, Milano e Novara entro la mattinata, mentre dal pomeriggio sarà il turno delle province di Bergamo, Brescia, Verona, Trento, Vicenza e Belluno. Dovrebbero invece rimanere ai margini del forte peggioramento meteo l’estremo basso Piemonte, almeno 3/4 di Liguria, Emilia Romagna e la bassa Lombardia.

Edinet - Realizzazione Siti Internet