Sarà un WEEKEND dal sapore INVERNALE: piogge, temporali e addirittura NEVICATE fino a 1000-1500 metri

Pubblicato il 22 Settembre 2020 alle 3:33

I modelli matematici confermano anche oggi il forte peggioramento con pesante maltempo che dovrebbe caratterizzare  il corso di questa settimana.  L’area depressionaria che da giorni sta interessando i settori centro-occidentali europei, specie tra Spagna, Francia e Mediterraneo Occidentale, già con significativa instabilità,  seppure non uniformemente distribuita sul territorio e ancora attiva fino a metà settimana circa, costituirà  una sorta di antipasto, rispetto a quanto potrebbe accadere tra venerdì 25 settembre fino a domenica 27. Verso il weekend, infatti,  questa azione depressionaria esaurirebbe la sua energia, ma subito incalzante, dal Nord Atlantico, affonderebbe con decisione verso il Mediterraneo centrale, un cavo d’onda depressionario, di diretta estrazione subpolare, con avvento sul nostro bacino di intensi nuclei di vorticità positiva, frutto di una irruzione di aria relativamente fredda per il periodo un po’ a tutte le quote atmosferiche e del grosso impatto termico con il Mediterraneo caldo.

La barica più o meno prospettata ancora dagli ultimi aggiornamenti è sulla falsariga di quella rappresentata nell’immagine in evidenza, con un intenso nucleo perturbato, proveniente dai settori scandinavi, Mare del Nord, in affondo tagliente attraverso l’Europa centrale, verso il nostro bacino, con innesco di attività vorticosa possente. Una struttura dai bassissimi geo-potenziali, con significativa irruzione di aria fredda in quota, intorno ai 5000 m, dove potrebbero giungere isoterme fino a -26/-28°C, segno questo di una impressionante instabilità verticale, con divario termico pesante tra le alte quote e i bassi strati ancora caldi.

Secondo le attuali elaborazioni modellistiche, tra venerdì e domenica, potrebbero cadere diffusamente altri 100/150 o persino 200 mm sulle regioni settentrionali su un territorio ormai già saturo d’acqua.  Insomma, ci sono tutte le condizioni di maltempo pesante, con grave rischio di dissesti su molti settori del Nord Italia. Naturalmente nubi con piogge, rovesci e temporali riguarderebbero in lungo e in largo un po’ tutta la penisola, seppur dovrebbero essere più irregolari.

Con l’arrivo di ARIA veramente molto FREDDA per il periodo, le temperature caleranno anche al suolo, in maniera pesante tra sabato e domenica e anche per i primi giorni della prossima settimana, con crollo di 10-15°C solo nel weekend. Pesanti nevicate lungo tutto l’arco alpino, soprattutto centro-orientale, naturalmente a quote alte, ma, nelle fasi di maggior crollo termico, i fiocchi potrebbero arrivare fino intorno ai 1.000 metri o persino sotto localmente su alta Lombardia e Trentino, fino a 1300m su alto Piemonte e 1500-1700m su Alpi Occidentali. Non si esclude la possibilità di NEVICATE anche sull’APPENNINO SETTENTRIONALE fin sotto i 2000 metri. La redazione di Reporter 24 continuerà a seguire costantemente l’evoluzione del tempo per questa settimana,  in particolare in riferimento al pesante peggioramento verso il weekend, apportando quotidiani aggiornamenti.

Edinet - Realizzazione Siti Internet