Precipita in un dirupo e muore in Valmalenco, l’amico chiama i soccorsi e viene multato 400 euro per violazione DPCM

Pubblicato il 17 Novembre 2020 alle 3:43

Il nuovo Dpcm per coronavirus parla chiaro: è possibile praticare attività sportiva all’aperto, purchè si mantenga la distanza di almeno due metri. Ma sembra che non in tutti i posti sia così: la norma è attiva nelle zone rosse, arancioni e gialle e le multe fioccano, anche in situazioni tragiche.

Quello che è accaduto in provincia di Sondrio ha dell’incredibile: Simone Massetti, runner 34enne, è morto dopo essere caduto in un dirupo mentre faceva attività sportiva nelle montagne della Val di Togno insieme ad un amico. Quest’ultimo ha chiamato i soccorsi e con l’arrivo dei carabinieri è arrivata anche una multa di ben 400 euro per non aver rispettato le norme del Dpcm. I due runner sono ‘colpevoli’ di aver varcato i confini comunali violando la zona rossa che vige in Lombardia.

Si terrà oggi, alle 15.30, il funerale di Simone Massetti, il 34enne morto sabato sulle montagne tra la Val di Togno e Valmalenco. La cerimonia si svolgerà a Sondrio, nella chiesa del Sacro Cuore. La tragedia è avvenuta tra i monti Foppa e Pallino, a circa 2.000 metri, nel territorio comunale di Spriana, in alta Val di Togno poco prima delle 15 di sabato pomeriggio. Al dramma ha assistito l’amico 32enne di Castello dell’Acqua con cui Massetti era andato nella valle laterale della Valmalenco per una corsa in montagna.

Qui sotto Simone Massetti in foto durante una gara di corsa in montagna (trail).

Edinet - Realizzazione Siti Internet