MOLINI di TRIORA, è lutto cittadino: lunedì i FUNERALI di Maurizio Moraldo e Marco Lanteri

Pubblicato il 10 Ottobre 2020 alle 1:46

È stata riaperta nella notte la strada statale 20 ”Del Colle di Tenda e di Valle Roja” nel tratto tra il km 138,200 e 143,100 in località Airole, in provincia di Imperia. Il transito avviene a senso unico alternato regolato da impianto semaforico. Lo comunica Anas in una nota. Il tratto stradale era stato chiuso al traffico lo scorso 3 ottobre a seguito degli eventi alluvionali, che avevano causato il cedimento del piano viabile in corrispondenza dell’ingresso della Galleria “Bocche”. Le squadre Anas hanno lavorato costantemente nella settimana per la ricostruzione parziale del corpo stradale e messa in sicurezza della strada, per permettere la riapertura nel più breve tempo possibile.

Allo stato permane il divieto di circolazione nel tratto dal km 133+782 al km 150+850 per i veicoli con massa superiore a 7.5t, esclusi i mezzi di soccorso, di trasporto pubblico, delle forze dell’ordine e veicoli adibiti al trasporto locale di merci.

Il sindaco di Molini di Triora, Manuela Sasso, ha istituito il lutto cittadino per lunedì prossimo, dalle 15 alle 17, in occasione dei funerali degli operai Maurizio Moraldo, 47 anni e il cugino Marco Lanteri, 42 anni, le vittime del tragico incidente avvenuto nel pomeriggio del 5 ottobre scorso a Baiardo, nell’entroterra di Sanremo. Moraldo si trovava alla guida di un escavatore, che si è ribaltato sottostrada per cause tuttora in fase di accertamento sulla strada provinciale durante alcuni interventi di bonifica dai detriti dell’ondata di maltempo.

Il collega, invece, pare che sia stato trascinato e schiacciato dal mezzo, ma la dinamica è ancora in corso di accertamento da parte dei carabinieri. I due operai erano originari di frazione Agaggio di Molini.

Siamo senza acquedotto e fognature, l’acqua non è potabile e ci sono oltre 3 milioni di euro di somme urgenze, ma non abbiamo la forza economica per sostenere queste spese. Serve un intervento da parte dello Stato”. A parlare è Renato Adorno, sindaco di Rezzo, in valle Arroscia, nell’entroterra di Imperia, una delle località più colpite dall’ondata di maltempo del 2-3 ottobre scorsi con la frazione Cenova, già colpite nel 2016 e nel 2019, che e’ stata ulteriormente messa in ginocchio, con due abitazioni private che sono crollate.

“C’è tanta rabbia – aggiunge il sindaco – con i vigili del fuoco stiamo cercando di dare agibilità al paese, poi andremo in quota, dove ci sono altri problemi”. Per luce e gas ora non ci sono problemi, ma l’acqua può essere utilizzata solo previa bollitura. Inoltre, ci saranno dei sopralluoghi per verificare lo stato di alcune greggi e si teme che molti capi di bestiame siano stati uccisi dalle piene.

Edinet - Realizzazione Siti Internet