CORONAVIRUS, il ruolo del “FATTORE METEO” nella trasmissione del VIRUS

Pubblicato il 28 Ottobre 2020 alle 10:26

L’emisfero settentrionale si ritrova a fare i conti con la tanto temuta e attesa seconda ondata di contagi di Covid-19, la malattia causata dal coronavirus SARS-CoV-2. In Europa, violentemente colpita in questa fase, i numeri dell’infezione sono in aumento ovunque, dopo un consistente calo delle infezioni occorso nei mesi di fine primavera e inizio estate, favorito dalle condizioni meteorologiche come le maggiori ore di luce e le temperature più alte. Ora che siamo in autunno, la pandemia torna a ruggire proprio in concomitanza con il calo delle temperature e delle ore di luce naturale.

Diversi studi hanno evidenziato l’effetto positivo della luce ultravioletta nel contrastare la capacità di diffusione del virus nell’aria e, dunque, la sua capacità di infettare altre persone attraverso le droplets emesse dalle persone contagiate. Ora un nuovo studio, condotto dai ricercatori del Boston Children’s Hospital, dell’Harvard Medical School, dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health e dell’Harvard University e pubblicato su Nature, ha indagato sulla variabilità spaziale dei numeri di riproduzione di base del COVID-19 tra le province e le città della Cina, Paese in cui il virus si è manifestato per primo.

Gli studi sull’influenza dimostrano che i virus dell’influenza sopravvivono più a lungo sulle superfici o nelle droplets se l’aria è fredda e secca, aumentando la probabilità di una conseguente trasmissione. È importante proporre metodologie per comprendere gli effetti dei fattori ambientali su questa epidemia in corso per supportare le decisioni che riguardano il controllo della malattia”, scrivono i ricercatori nel loro studio. Dopo aver citato studi in materia che hanno dato risultati contrastanti, gli esperti sottolineano che “quantificare la relazione tra la trasmissione del Covid-19 e le variabili meteorologiche è un compito arduo per molteplici ragioni”.

Lo studio è stato condotto dal 22 gennaio 2020 al 26 febbraio 2020, con i principali focolai che nelle province cinesi si sono verificati dall’inizio di gennaio alla fine di febbraio. Inoltre, per definire l’evoluzione temporale dell’epidemia di Covid-19, il numero di riproduzione Rproxy è stato calcolato per due diversi periodo di tempo: il primo dal 22 gennaio all’8 febbraio e il secondo dal 9 febbraio al 26 febbraio. Nell’analisi degli esperti, nel primo periodo, la maggior parte delle regioni ha una stima di Rproxy ben al di sopra di 1, il che segnala una sostenuta trasmissione della malattia. Le stime di Rproxy sono diminuite drasticamente nel secondo periodo, molte al di sotto di 1, probabilmente come conseguenza dei molteplici interventi non farmaceutici implementati dalle autorità cinesi.

Edinet - Realizzazione Siti Internet