CICLOGENESI sull’ITALIA: nevica intensamente sull’APPENNINO Centro-Settentrionale, freddo e vento lungo le coste

Pubblicato il 20 Novembre 2020 alle 12:47

E’ sensibilmente peggiorato il tempo su molte nostre regioni a seguito dell’innesco di un minimo di bassa pressione sul medio Tirreno. In queste ore, il fulcro depressionaria è posizionato sul Lazio e da questa posizione inizia a richiamare correnti via via più fredde dei settori continentali, in particolare verso il Nord Appennino. Molte nubi riguardano tutti i settori centro-settentrionali, localmente anche il Nord, ma piogge e rovesci diffusi, localmente anche temporali, stanno interessando in particolare il Lazio settentrionale, il Nord Viterbese, il Centro-Sud dell’Umbria, specie la provincia di Terni, diffusamente le Marche, la Toscana occidentale, settentrionale e interna, tutta l’Emilia-Romagna, diffusamente anche la Liguria

Scrivevamo dell’ingresso di aria fredda che sta affluendo soprattutto verso il Nord Appennino e, infatti, in particolare sui rilievi tra il Nord della Toscana e l’Emilia-Romagna, sta scendendo la neve anche abbondante. Come visibile dalle webcam in galleria, sono presenti già diversi centimetri fino a 10 e oltre intorno ai 1.200/1.300 come a Polle e Sant’ Annapelago, nel Modenese, anche 20 cm sui 1500/1600 m ma fiocchi che stanno iniziando a scendere anche più in basso fino a 900 m, come visibile sulla località di Fellicaloro, o anche più giù. Molte nubi sono presenti anche sulla Lombardia centro-meridionale, ma qui con piogge  soltanto sul Mantovano, Centro Est cremonese, localmente sul Bresciano, ma in via di esaurimento. Nubi e locali piogge anche sul Centro Sud Veneto. Per la giornata odierna, il maltempo andrà accanendosi via via soprattutto sulle regioni centrali adriatiche e su quelle relative appenniniche, tra Marche, Abruzzo poi Molise, con fenomeni spesso abbondanti e accumuli che, entro sera, potranno raggiungere anche i 100/120/130 millimetri sulle aree abruzzesi, soprattutto del Teramano, localmente del Nord Ovest Pescarese e dell’Est Aquilano anche con possibili dissesti su questi settori. Attenzione anche alle nevicate forti su tutti i rilievi di queste aree, inizialmente a partire dai 1500/1800 m, poi via via in calo verso sera fino a 1.000/1.300 m, con accumuli oltre i 1.500/1.700 m anche di mezzo metro entro la mezzanotte e qualche decina di centimetri oltre 1.300/1.400 m.

Molte nubi e piogge via via da metà giornata anche verso la Campania, il Nord della Puglia, la Lucania e la Calabria.  Peggiora nel pomeriggio  anche sulla Sardegna centro-settentrionale, soprattutto su Olbia Tempio e Nuorese, migliora nel frattempo sull’Emilia-Romagna. Meglio sul resto del Nord, con tempo più asciutto e anche con maggiori schiarite soleggiate. Calo termico progressivo, anche sensibili entro la mezzanotte un po’ su tutto il Centro Nord, ma di più tra Marche, Toscana centro-settentrionale, Centro Nord Umbria, Emilia-Romagna e sulle aree centro-orientali del Nord. Attenzione, infine, ai venti, previsti forti settentrionali soprattutto sul medio Adriatico, su tutte le aree centrali, poi sul medio-alto Tirreno e sui mari e Canali delle isole maggiori, intensi da Nord Nordest sulle coste e sui bacini tirrenici della Sardegna, fino a 120/130 km/h, forti sempre da Nord/Nordest anche su molte aree appenniniche, spesso sui 70/80/100 km/h, ma localmente raffiche di 120 km/h, in particolare sui rilievi toscani e anche in mare aperto sul Tirreno centrale, localmente sul medio-alto Adriatico.

Edinet - Realizzazione Siti Internet