Arriva la prima NEVE sulle ALPI MARITTIME, ma il GOVERNO dice “NO” all’apertura degli IMPIANTI da SCI

Pubblicato il 28 Novembre 2020 alle 11:46

La neve cade da questa notte su tutte le aree del Monregalese, Alpi Liguri e Marittime mediamente oltre i 1300-1400m: un vero e proprio risveglio fiabesco per le località invernali di Prato Nevoso e Artesina (come visibile nella FOTOGALLERY), con il l’arrivo della DAMA BIANCA di fine Novembre. Le temperature si sono abbassate fortemente nelle ultime ore: questa notte a CUNEO, sotto una debole pioggia, le temperature sono scese fino a 4°C.

Un primo anticipo d’inverno che potrebbe replicarsi con un’importante nevicate proprio nei primi giorni di DICEMBRE (attorno al prossimo fine settimana), con una perturbazione piuttosto organizzata che potrebbe favorire l’arrivo della prima intensa nevicata stagionale, anche a quote molto molto basse sulla provincia di Cuneo. I fiocchi infatti, secondo i modelli previsionali di oggi, potrebbero cader addirittura fino a quote di fondovalle, imbiancando le località di Cuneo, Ceva, Mondovì fino alle porte di Fossano e Marene.

Ma dal GOVERNO arrivano brutte notizie, dal momento che la pandemia di Coronavirus e le restrizioni governative non consentono l’apertura degli impianti di risalita nelle stazioni sciistiche di tutt’Italia, anche se le Regioni stanno ancora cercando di intavolare una trattativa con il premier Conte e il ministro Boccia per provare a salvare le vacanze natalizie. Gli impianti, se apriranno, lo faranno soltanto tra un mese, un mese e mezzo, quando la curva dei contagi si sarà abbassata e l’epidemia raffreddata”, ha spiegato nei giorni scorsi lo stesso Boccia.

TURISMO della NEVE: in caso di “chiusura impianti” previste perdite oltre 70% fatturato

Edinet - Realizzazione Siti Internet