CAPODANNO con l’ANTICICLONE AZZORRIANO: possibile cambiamento per l’EPIFANIA 2020

Pubblicato il 29 Dicembre 2019 alle 2:00

Anche nella giornata di domani, LUNEDI 30 DICEMBRE, l’affaticato flusso d’aria fredda sopraggiunto nel weekend, riuscirà a portare ancora qualche pioggia e alcune nevicate a bassa quota sulle estreme regioni del Sud segnatamente su Molise, Campania, nord della Puglia, sulla Basilicata e a scendere sulle aree ioniche della Calabria fino al nord della Sicilia. Su queste regioni tuttavia, il quadro meteo andrà poi rapidamente migliorando. Tempo buono invece sul resto del Paese a parte la nebbia sulla Val Padana. Clima rigido ovunque.

L’ultimo giorno dell’anno, martedì 31 dicembre, l’alta pressione comincerà a fare la voce grossa riportando una decisa stabilità atmosferica su tutto lo stivale. L’unica insidia sarà dovuta alla nebbia che comincerà a svilupparsi in forma più diffusa su molte aree della Pianura Padana e anche su alcuni tratti interni del Centro. Di notte e nelle ore prossime all’alba, ci attendiamo dunque forti riduzioni alla visibilità specialmente sui tratti della bassa Lombardia, l’Emilia settentrionale e il basso Veneto. Temperature in moderata ripresa nei valori massimi specie al Centro Sud.

Il nuovo anno si aprirà con un ulteriore espansione dell’alta pressione sull’Italia dove l’atmosfera risulterà davvero piatta sul fronte meteorologico con tanto sole al Centro Sud e sui rilievi del Nord. La Val Padana invece, comincerà ad essere avvolta da uno strato di nebbie e nubi basse che daranno vita alle classiche inversioni termiche capaci di mantenere un clima molto rigido sulla fascia pianeggiante rispetto alle vicine aree montuose dove il miglior soleggiamento garantirà un quadro climatico più gradevole.

Le temperature saranno infatti in nuova e generale ripresa su gran parte d’Italia con valori che torneranno ancora una volta sopra la media del periodo eccezion fatta, come detto, dei settori pianeggianti del Nord.

Questo piatto e calmo contesto meteorologico ci accompagnerà probabilmente fino alla vigilia del weekend quando, se tutto verrà confermato, proprio tra sabato 4 e domenica 5 gennaio 2020 una nuova e fredda minaccia sembra intenzionata ad affacciarsi all’Italia, ma di questo ce ne occuperemo solo nei prossimi giorni.

LIGURIA —–> REPORTER 24

BASSO PIEMONTE —-> REPORTER 24 CN

CANALE TELEGRAM —–> METEO REPORTER 24

Edinet - Realizzazione Siti Internet